capodannopalermo.com - cenoni, feste, discoteche, hotel, agriturismi, tutto su come passare il capodanno a Palermo e provincia

Info e Prenotazioni:

Scrivici info@capodannopalermo.com

in Eventi

DETTAGLI

  • Indirizzo
    Palermo, PA
  • Data mercoledì 25 dicembre 2019
  • Orario dalle 10.00

DESCRIZIONE

Il presepe in Sicilia ha una lunga storia legata alla ricca tradizione dell’arte e dell’artigianato locali del XV secolo. A Palermo l’arte presepiale si diffonde tra il XVII e il XVIII secolo, e in quest’arte si distinguono i cosiddetti Bambinai che operavano nella zona della chiesa di San Domenico.

Loro caposcuola fu Giulio Gaetano Zumbo del quale si può ammirare un presepe al Victoria and Albert Museum di Londra, altri nomi noti sono quelli di Anna Fortino e di Rosalia Novelli. Il nome che è rimasto nella storia però fu quello di Giovanni Antonio Matera, trapanese. Verso la metà del XVII secolo dovette fuggire a Monreale perché accusato ingiustamente di un crimine, e qui protetto dai frati, realizzò alcuni dei più bei presepi del tempo. E di oggi.

Tra gli artigiani più illustri oggi attivamente impegnati a Palermo va ricordata Angela Tripi. Creatrice di presepi da favola che viaggiano in tutto il mondo come messaggeri di arte e tradizioni, modella statuine artistiche in terracotta e stoffa che rappresentano una panoramica affascinante nel mondo dei costumi antichi.

PROGRAMMA

Presepi del Matera - a Palermo città si trovano almeno due delle opere mirabili dell scultore Matera. Uno è il presepe della Cattedrale, che ogni anno a Natale viene esposto al pubblico. Gli abiti dei personaggi sono preziosi, in tessuti veri del tempo, e ricordano i vestiti di stile arabo. Il grande presepe di Matera si trova al Museo Pitré: composto da 390 personaggi, di altezza varia (tra i 7 e i 16 cm) con dettagli e rifiniture attentissime, rigorosamente fatti a mano.

 

Presepi dal Mondo in Cattedrale - dall'8 dicembre al 6 gennaio, in esposizione presso la cattedrale anche l'opera appartenuta a monsignor Farullo.

 

Presepe alla Cappella Palatina - ogni anno viene allestito un bellissimo presepe all'interno della cappella "d'oro", che già da sola crea una meravigliosa suggestione intorno all'opera in esposizione. Fino al 6 gennaio 2020.

 

A Mondello, il Presepe è sott'acqua - un presepe di 18 personaggi accompagnato dalla statua di Santa Rosalia verrà immerso e coperto da un pavimento di vetro. L'illuminazione notturna lo renderà visibile al pubblico. Fino al 6 gennaio.

 

Presepe di Sale delle Madonie - una piccola natività fatta con il sale delle cave di Petralia Soprana sarà in mostra a Palazzo S.Elia, in via Maqueda, fino al 6 gennaio.

Presepi nella Garitta di Falcone - la garitta, cioè la cabina blindata, che è rimasta avanti alla casa del giudice Giovanni Falcone a ricordo della sua lotta contro la Mafia, verrà rivestita interamente di piccoli presepi da ammirare fino al 6 gennaio 2020.

 

In provincia gli eventi sono davvero tantissimi, tra presepi artistici, storici e viventi. Ne vogliamo segnalare alcuni, suddivisi per tipologia:

 

Presepi artistici in Provincia - al Castello di Marineo, presepi artistici in miniatura; presepe artistico con videomapping presso Palazzo Pottino di Petralia Soprana; a Cinisi lo storico presepe meccanico semovente presso il Palazzo dei Benedettini; i presepi quest'anno vengono invece allestiti dentro il vano motore delle vecchie 500 Fiat, in una allegra e originale mostra a Bagheria. Notevole l'organizzazione di Cefalù dove oltre 50 presepi disseminati presso case e monumenti del centro storico formeranno la Via dei Presepi 2019.

 

Presepi viventi in Provincia - dal 26 al 29 dicembre 2019 parte del centro storico di Gangi diventerà una Betlemme antica, per la messa in scena del Presepe Vivente Recitato, nella cornice già suggestiva del paese medievale; un presepe vivente tra canti in dialetto e degustazioni di bontà locali a Belmonte Mezzagno; dal 21 al 24 dicembre e dal 2 al 6 gennaio 2020 andrà in scena un bel Presepe Vivente anche a Monreale presso la Torre Medievale dell'ex monastero benedettino.

back to top